Show cooking “Di cotte e di crude” di Marzia Riva, La Taverna degli Arna

Show cooking “Di cotte e di crude”

Oggi ho avuto il piacere di partecipare allo show cooking “Di cotte e di crude” tenuto da Marzia Riva del blog La Taverna degli Arna.

Lo show cooking si inserisce nel meraviglioso contesto di Parma Etica Festival, di cui ti ho già parlato in un mio precedente articolo.

Seguo Marzia da diverso tempo e ho sempre trovato i suoi piatti delle vere e proprie opere d’arte.

Oggi ho potuto finalmente assaggiarne uno e non è stata una sorpresa, è stata una conferma.

Molto di quello che scriverò in questo articolo viene dalle parole di Marzia e per questo motivo non me ne prenderò il merito 🙂 ma condivido tutto al 100%.

Marzia si avvicina alla cucina vegana e per un certo periodo crudista dopo che le sono state diagnosticate intolleranze e allergie alimentari ai lieviti, ai latticini e al pomodoro.

Trova nella cucina vegana la possibilità di alimentarsi in modo equilibrato, salutare e gustoso.

Può omettere quegli alimenti tanto dannosi al suo fisico senza che questo significhi sottostare a delle privazioni anzi, scopre un mondo vegetale ricco e duttile, per cui i prodotti si prestano facilmente a preparazioni dolci e salate e con i quali è facile “giocare” creando ogni volta piatti diversi con prodotti semplici, genuini, vegetali e quindi anche etici.

Sperimentando l’alimentazione vegana ha imparato a sentirsi, ha ascoltato il suo corpo e ha capito che questa è la scelta che fa per lei.

Non desidera convincere chi la segue a diventare vegano; lei ti offre un esempio, un’alternativa affinché tu possa fare la scelta più giusta per te.

Marzia inizia la sua avventura in cucina preparando succulente cenette per amici. Piano piano il desiderio di condividere la sua passione con più persone è cresciuto, così come la consapevolezza che la sua cucina, conviviale e solare, poteva trovare riscontro in un pubblico più vasto.

La svolta è avvenuta dopo l’incontro con Joia Academy, la più importante scuola di Alta Cucina Vegetariana in Italia, fondata dal maestro Pietro Leemann.

Marzia oggi è docente al Joia e ci racconta che la cosa più importante che ha imparato durante questa esperienza è stata la gratitudinenon c’è cosa che le dia più gioia del gesto di offrire un suo piatto agli altri e quello che desidera è trasmettere tale gioia.

A noi oggi l’ha trasmessa e io la ringrazio!

Tornando a questa mattinata, Marzia ci ha proposto un piatto giocando su diverse tecniche di cucina, mescolando quella vegan a quella crudista e da qui nasce “Di cotte e di crude”.

E’ stato difficile seguirla nella preparazione, seppur semplice, perché ad ogni passaggio ci suggeriva mille alternative di preparazione … è un pozzo di idee questa donna 🙂

Preparazione del nostro involtino estivo di quinoa

Show cooking La Taverna degli Arna

Ha tagliato finemente delle zucchine con una mandolina. Le ha messe in un piatto con un po’ di sale sopra per privarle dell’acqua contenuta.

Le zucchine ci servono per formare i nostri involtini.

La quinoa è “la madre di tutti i semi”: originaria del Sud America è una pianta erbacea, della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci e la barbabietola. Priva di glutine, ha ottime proprietà nutritive ed è particolarmente proteica (38gr di proteine in 100gr).

La quinoa si cuoce per assorbimento: le dosi sono di 1 quinoa – 2 acqua. Cuoce in 15′ e necessita di altrettanti minuti di riposo.

Per il condimento usiamo una semplice base di olio e cipollotto, unito agli scarti della zucchina tagliata a fette e a del frizzante peperoncino.

Opzioni e suggerimenti alternativi

Puoi insaporire la quinoa con:

  • olive, pomodorini e basilico
  • peperoni gialli e rossi, mele, aceto di mele e limone
  • oppure, grazie al suo alto contenuto di amido, usarla per fare delle polpettine, dei burger, dei ripieni di tortini usando verdure di stagione, erbe spontanee, germogli e spezie a tuo piacimento.

Sperimenta e dai sfogo alla tua creatività!

A questo punto prepariamo una crema fredda di carote e limone. Le carote vanno stufate: tagliate pezzetti della medesima grandezza e cuoceteli in un goccio d’olio e un pizzico di sale, in una pentola stretta e alta e coprite. Le carote cuoceranno a fuoco lento, dentro il loro liquido, per 15′-20′. Frullate il tutto con limone: 1 limone per 3 carote.

Il nostro piatto non è completo, mancano due preparazioni che doneranno croccantezza e la giusta nota acidula al piatto.

Sempre con l’aiuto della mandolina, abbiamo creato delle rondelle di barbabietola (cruda) alle quali abbiamo aggiunto del succo di umeboshi. Con un’altra parte di barbabietola abbiamo creato una crema data solo dal prodotto frullato.

Infine, il piatto non sarebbe stato completo senza delle sfogliatine croccanti di farina di ceci e grano saraceno: 30gr di farina di ceci, 80gr di farina di grano saraceno, 300gr di acqua salata, rosmarino. Impastiamo, stendiamo e inforniamo per 15′ a 200°.

Ora dobbiamo comporre il piatto ed è proprio qui che tutta la solarità di Marzia viene fuori 🙂

Show cooking La Taverna degli Arna

C’è un trucchetto in quell’opera astratta che assomiglia ad un sole con i suoi raggi che non saprei spiegarti a parole … dovrai andare ad un corso di Marzia per scoprirlo 😉

Oggi ho potuto conoscere una bravissima chef vegan ma ho anche trovato nuove conferme del fatto che la cucina vegan sia una cucina di unione, è una cucina per tutti: vegetariani, ciliaci, intolleranti, onnivori, praticanti di diverse religioni … è una cucina salutare, giocosa e gioiosa e rispettosa di tutti!

2 Replies to “Show cooking “Di cotte e di crude” di Marzia Riva, La Taverna degli Arna”

  1. Grazie! Ne sono sinceramente onorata è commossa… un regalo inaspettato e gradito che da grande stimolo a continuare ciò che faccio. Spero di poterti rivedere presto per continuare a condividere questa passione per la cucina!

    1. Sono felice di averti trasmetto una bella emozione e contenta di essere riuscita a contraccambiare il regalo che ieri hai fatto a tutti noi presenti al corso. Continua così 🙂 La mia passione per l’alimentazione e per la cucina è grande quindi sono certa che ci rivedremo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *